La Masseria, un luogo di frontiera

L’Intrusa arriverà nelle sale italiane il 28 settembre. È il nuovo film dell’acclamato regista de L’Intervallo, Leonardo Di Costanzo.

La Masseria è una comunità ludico-ricreativa aperta ai bambini di un quartiere periferico di Napoli. Giovanna, fondatrice e responsabile del centro, accoglie i ragazzi nel doposcuola, evitando, così, che vengano risucchiati nel gorgo della vita di strada dominata dalla camorra.

 

 

L’armonia che Giovanna è riuscita a creare alla Masseria viene turbata dall’arrivo di Maria. La donna è la moglie di un camorrista e cerca rifugio nel centro per garantire un futuro migliore ai propri figli.

L’identità della Masseria

Giovanna dirige la Masseria e prende le decisioni importanti per la collettività, assecondando i propri principi morali. I volontari del centro animano le attività proposte ai bambini e coadiuvano Giovanna nel mantenere la Masseria un ambiente protetto, giusto e sempre in equilibrio.

L'Intrusa

Quella della Masseria è una comunità aperta che ha trovato la propria identità nell’accoglienza. Ogni bambino che approda al centro ne diventa parte attiva: ognuno porta il proprio contributo alla comunità, giocando e partecipando a progetti condivisi.

Eroi moderni

Le figure dei mediatori sociali hanno veri e propri tratti eroici e spesso sono troppo poco raccontate. Spinti da convinzioni politiche o religiose o umanistiche, volontari del tutto simili a Giovanna e ai suoi collaboratori spendono le loro energie nell’assistere le fasce sociali più deboli e nel rendere possibile l’inclusione di quelle più marginalizzate. Molto spesso sopperiscono all’assenza o alla scarsa efficacia delle politiche sociali pubbliche.

L'intrusa

La zona grigia

Le comunità come la Masseria si trovano ad agire in una sorta di “zona grigia”. È un luogo non solo fisico, ma anche culturale, all’interno del quale non necessariamente valgono le rigidità nel categorizzare il giusto o l’ingiusto che valgono altrove. In questi territori di frontiera la linea sottile che separa il permesso dal proibito, il tollerabile dall’intollerabile, l’accoglienza dall’irricevibilità si fa labile e soggetta a riposizionamenti continui.

Vieni a scoprire la Masseria, ne L’Intrusa, dal 28 settembre al cinema. Nella sua comunità, Giovanna concede spazio alle ragioni di tutti. Nessuno viene lasciato indietro.

2017-09-22T17:30:49+00:00